Condannato padre violento: “Ha rovinato anche l’infanzia del figlio”

di Wanda Valli   da www.repubblica.it  del 07/02/2015

Il genitore dovrà risarcire con 18.000 euro il bambino: lo ha fatto crescere in un clima di prepotenza “rovinandogli la qualità della vitaHa negato a suo figlio la possibilità di crescere  in un ambiente sereno, tranquillo, come dovrebbe essere la famiglia.

Ha rovinato la qualità della vita del bimbo costretto a subire un’atmosfera di violenza  verso la madre. Per questo deve essere punito.

Cristina Tabacchi, giudice della sezione civile del Tribunale di Savona, non ha avuto dubbi. Ha condannato il padre a pagare 18.000 euro, colpevole di aver “rovinato la qualità della vita del figlio” esponendolo a rischi per l’adolescenza, per il suo futuro.

In Tribunale, a Savona, l’uomo non si è fatto vedere. La scelta di rivolgersi alla magistratura è stata della madre del piccolo di 8 anni, lei che da quel marito era stata maltrattata spesso, molto spesso a parole, e poi nei fatti. Non una volta, ma più volte.

Il bambino ha visto che cosa accadeva a casa, e perciò sua madre ha voluto sapere dalla giustizia se un padre può di fatto rovinare la famiglia e far vivere suo figlio in un clima dove la serenità è negata. O se deve essere considerato responsabile.

Il Tribunale di Savona ha confermato: chi nega il diritto a vivere in una famiglia serena dove la violenza non esiste, commette un reato. Deve pagare. Perché sono stati violati i diritti di un bimbo. Perché la sua stessa vita potrebbe risentire della violenza a cui ha assistito. Perché

la famiglia non è quella dove è cresciuto. E’ basata sull’affetto, non sull’odio.

Il risarcimento è stato calcolato, partendo dalla somma decisa dal Tribunale dei Minori per il mantenimento del bimbo da parte dell’uomo: 250 euro al mese.  Per arrivare alla somma stabilita, i 18.000 euro, si è partiti dalla nascita del piccolo, nel 2006 fino a quando il padre ha perso il diritto alla patria potestà, vale a dire nel giugno del 2012.

Commenti chiusi.