Omotransfobia, Guarnieri: «Ritengo auspicabile che questa legge sia approvata quanto prima»

Gaynews – 8 luglio 2020 – Francesco Lepore

Domani in Commissione Giustizia della Camera terminerà la discussione generale sul testo unificato del disegno di legge in materia di contrasto e prevenzione alle discriminazioni e violenze per sesso, orientamento sessuale, genere e identità di genere, di cui è relatore Alessandro Zan (Pd). A fine seduta avrà luogo la votazione per l’adozione di esso quale testo base.

Abbiamo cercato di fare il punto della situazione con Francesca Romana Guarnieri, avvocata esperta in diritto antidiscriminatorio e socia di Rete Lenford.

Leggi il resto »

Lettera di un gruppo di femministe per la legge contro l’omotransfobia e la misoginia

La 27 ora 4 luglio 2020

Il femminismo italiano è ampio e plurale, con storie, linguaggi e pratiche diverse. Ha attraversato e indirizzato le nostre vite nel pubblico e nel privato. Come femministe viviamo e abitiamo luoghi differenti, scriviamo libri, articoli e testi di legge, frequentiamo tribunali, ospedali, uffici e aziende, campi sportivi, aule scolastiche o universitarie, sindacati, associazioni e partiti politici, facciamo arte, cinema, teatro. E come femministe vogliamo intervenire nel dibattito apertosi sul testo unificato Zan all’esame della Camera. Una legge che si attende da 25 anni contro i discorsi e i crimini d’odio contro le persone lesbiche, gay, bisessuali e trans, che in questo disegno include – giustamente, a nostro parere – anche l’odio contro le donne, cioè la misoginia.
Il testo punisce ogni forma di istigazione al compimento di atti discriminatori e violenti per motivi legati a sesso, genere, orientamento sessuale e identità di genere.

Leggi il resto »

L’identità di genere e la legge che va oltre i sessi

Corriere della sera – La 27 ora – 15 giugno 2020 –Laura Onofri

Nei prossimi giorni sarà presentato alla Camera il disegno di legge contro l’omotransfobia,  che ha l’obiettivo del contrasto alla violenza e alla discriminazione per motivi legati al genere, all’orientamento sessuale e all’identità di genere, in linea con una risoluzione del Parlamento europeo sull’omofobia in Europa, risalente al 2006 e rimasta finora fuori del nostro ordinamento

Leggi il resto »